Wednesday, Nov 22nd

Ultimo aggiornamento03:01:00 AM GMT

L'Arno a Firenze, flusso del progresso civico

L'Arno a Firenze, flusso del progresso civico

Bernardo Bellotto Arno in Firenze smallCome la fonte singolare dell'intelligenza creativa coltiva una molteplicità di forme che manifestano la bellezza nella concretezza del mondo circostante, così la singolarità serena e maestosa del fiume Arno fornisce l'irrigazione per la molteplicità del campo sociale e culturale del paesaggio urbano di Firenze - una prima pietra vivente, la sua presenze fluisce attraverso e la anima il dinamismo della città, come la Zoe dell'Antica Grecia fluisce attraverso ed anima i movimenti del mondo materiale.

 

Dalla sua centralità formativa nel fondamento naturale della città, lo diventa quindi un archetipo esistenziale nell'evoluzione dell'identità fiorentina, l'ago d'argento che è tessuto con acume artiginale tramite la stoffa della vita, formando così un arazzo di mille colori - l'arazzo elogiato del famoso mercante di seta e diarista, Gregorio Dati, che commenta che la loggia aperta nel venerabile Ponte Vecchio è "un omaggio alla grande maestosità e bellezza del fiume": la sua superficie cristallina, vividamente rispecchiando la lucida luminosità dei cieli toscani, incarna la piena integrazione di intuizioni naturali e cosmiche nell’eccellenza umanistica, come ad esempio l'approccio geometrico all'estetica di Piero della Francesca - l'arte come specchio alla realtà organica; mentre, allo stesso tempo, le sottocorrenti drammatiche del fiume, il motore spesso nascosto e misterioso dell'immagine visiva di sviluppo e di progresso, sono echeggiate in risonanza nel dinamismo socio-economico della città, ei suoi frutti, la fioritura di affreschi che adornano le pareti dei palazzi e conventi, come ad esempio il patrocinio di Cosimo il Vecchio che adorna le mura di San Marco.

Inoltre, è il fiume Arno come una presenza animata nel cuore di Firenze, da dove si può riflettere sulla città come epicentro della storia culturale: come il grande statuaria pubblica dalle mani di Michelangelo e di Giambologna, che entrambi raggiungono l'antico passato per l'ispirazione e manifestono l'ingegno creativo per spingere l'innovazione verso il futuro, così, il fiume, nel suo percorso perenne, rappresenta sia il passato ed il future. La dualità di tradizione e progresso, cioè l'esperienza di essere e divenire, la quale è l'essenza del ethos civico di Firenze, è il movimento e la forza che forniscono il sostentamento raffinato ed edificante per il progresso sociale, come l'alimentazione dei mulini e la tintura dei tessuti lungo la riva del fiume. Tuttavia, allo stesso tempo, il flusso del progresso civico si manifesta marcatamente nella soluzione dei fiorentini alla sfida della loro grande fiume: i loro splendidi ponti da un lato della città all'altro, che sono costituiti sia un totem estetico ed una serie di arterie economiche vitali. In ciò, queste grandi strutture - che sono una vera e propria cronaca culturale, dalla magia medievale del Ponte Vecchio all'eleganza rinascimentale del Ponte Santa Trinità - rappresentano l'apertura e esteriorità del progresso civico di Firenze, nel suo desiderio di entrare in contatto con le nuove terre e le nuove culture, e la sua volontà di raggiungere indietro la saggezza intramontabile della storia antica, ma soprattutto nella sua promozione della pienissima libertà, come l'illustre Leonardo Bruni osserva nel suo Panegirico per la città: “Così è sempre stato chiaro a tutti che Firenze ha trattato questi stati come la sua patria, e ha sempre cercato per la libertà di tutta Italia.”

 

Bernardo Bellotto Arno in Firenze c. 1743
'Arno in Firenze', Bernardo Bellotto, 1743

 

 

 

Autore

Olvier Hickman

 

 

 

 

corri la vita logo

tnm

 

img-esteri

 

logo comune firenze